Spiacente il tuo browser non supporta il Java oppure Java e' disabilitato




Giovedì
20 Agosto 2009 02.30
UN ‘PARCO DELL’ACQUA’ IN RIVA ALL’OLONA GORLA MAGGIORE
Ricreare aree umide sulle sponde del fiume Olona per depurare le acque. Il progetto del Comune di Gorla Maggiore per migliorare la situazione del tratto di Valle Olona di propria competenza è già in fase avanzata e, riferiscono i colleghi di Varesenews ha ricevuto 500mila euro da Regione Lombardia nell’ambito del ‘Contratto di fiume’.
 
L’Amministrazione comunale ha deciso di ridare alla valle quello che l'uomo ha tolto, le zone umide dove l’acqua si ferma tra i canneti e la vegetazione depurandosi grazie al lavoro anaerobico dei batteri. Si chiama fitodepurazione ed è un sistema di depurazione completamente biocompatibile che non prevede uso di altri materiali se non quelli naturali. Il sistema previsto è capace di depurare sia le acque di prima pioggia che le acque di seconda pioggia tramite un sistema di flusso libero inserito all’interno di una vasca volano in terra. Le acque che provengono dal sistema fognario finiscono in queste vasche si depura e restituita al fiume più a valle, depurate. Esteticamente l’intervento si mostrerà agli occhi di chi guarda la valle come un’area verde capace anche di ospitare iniziative naturalistiche e ambientali: anche grazie alla partecipazione locale è emersa l’idea di un ‘Parco dell’Acqua’ con percorsi pedonali e ciclabili specchi d’acqua, aree di sosta per l’osservazione dell'avifauna e percorsi didattici. L’area umida sarà in grado di attrarre gli stormi di uccelli migratori che la utilizzeranno come un’area di sosta durante i percorsi di migrazione da un posto all’altro. I terreni sui quali sono previsti i sistemi di fitodepurazione ricadono in gran parte nel Comune di Gorla e sono di proprietà comunale mentre le aree verdi comprendono anche il comune di Fagnano Olona che, non a caso, è stato coinvolto dall’inizio nel progetto. Attualmente l’esame del piano delle acque della Regione evidenzia una situazione di forte stress della capacità autodepurativa del fiume. I dati provenienti da tutte le stazioni di monitoraggio lungo il fiume dicono che le acque sono in pessimo stato.